Croste dopo il trapianto di capelli – La storia di Rosario

In questa sezione ti guiderò attraverso il trapianto di capelli di Rosario e ti mostrerò come ha ottenuto il risultato che vedi sopra!

Prima dell’intervento è fondamentale controllare le condizioni di ciascun paziente.

In questo modo possiamo decidere con quanti capelli poter lavorare e quanti ne sono necessari per il risultato desiderato, così possiamo creare un piano di trattamento personalizzato.

I pazienti possono partecipare ad un esame di persona che organizziamo in Italia, nel Regno Unito ed anche in Francia.

L’altra opzione è quella di inviarci delle foto, in modo che i medici possano valutare le condizioni dei pazienti ed informarli sui dettagli specifici.

Nel 2016 Rosario ci ha inviato le sue foto per una prima valutazione e per avere un’idea di quanto gli sarebbe costato il trapianto dei capelli.

Sebbene fosse interessato all’offerta, ha rimandato la decisione.

Poiché la caduta dei capelli potrebbe progredire, in seguito i pazienti potrebbero stare meglio con un numero maggiore di capelli, o con una loro distribuzione diversa.

Così, quando Rosario ci ha ricontattato un anno dopo, abbiamo dovuto controllare di nuovo le sue condizioni.

Ci ha incontrato nella nostra sede di Lione il 7 dicembre 2017.

L'attaccatura dei capelli di Yohanns prima del trapianto di capelli
I capelli di Yohanns prima dell'intervento

Dopo aver esaminato il suo cuoio capelluto e l’area donatrice, il medico ha parlato delle aree che il paziente voleva coprire.

Rosario ha spiegato che avrebbe preferito un’attaccatura dei capelli leggermente più bassa ed era interessato anche ad un rinfoltimento nell’area della corona.

Nel complesso, abbiamo ritenuto che con 5000/6000 capelli era possibile raggiungere gli obiettivi di Rosario in entrambe le aree.

Il trapianto di capelli di Rosario

Pochi mesi dopo, abbiamo ospitato Rosario e due dei suoi amici qui a Budapest per i loro interventi chirurgici.

(Poiché disponiamo di 4 sale operatorie, è possibile eseguire fino a 4 interventi contemporaneamente, ovviamente con un medico e un’équipe medica diversi).

Il 7 e l’8 aprile 2018, a Rosario sono stati trapiantati un totale di 6036 capelli.

Come al solito, il suo intervento è stato eseguito con i capelli tagliati corti.

Dato che lavoriamo sotto una lente d’ingrandimento, questa pratica ci aiuta a vedere tutti i capelli dentro e attorno all’area trattata, cosa che, a sua volta, ha diversi vantaggi:

  • Possiamo assicurarci di non danneggiare i capelli nascenti impiantando quelli nuovi troppo vicini
  • Possiamo armonizzare l’angolo di impianto al resto dei capelli
  • La densità naturale è ben visibile, quindi è più facile ricrearla

L’immagine sottostante mostra la distribuzione finale nel caso di Rosario.

Possiamo osservare che ho impiantato i capelli con una maggiore densità nella parte anteriore, dato che le aree glabre dei triangoli delle tempie richiedevano più capelli per avere una buona densità.

In confronto, potevo posizionare i nuovi capelli in modo più sparso sulla corona, dato che la sua una densità preesistente era maggiore:

Area impiantata di Yohann dopo l'intervento che mostra i peli distribuiti su due zone
 Le aree impiantate alla fine dell’intervento

7 giorni dopo l’intervento

foto di controllo 1 settimana dopo il trapianto di capelli con croste visibili
1 settimana dopo l’impianto

Rosario ha fatto il suo primo controllo 1 settimana dopo l’intervento.

Dopo aver esaminato attentamente le sue foto, ho potuto confermare che andava tutto bene. Come possiamo vedere sopra, non c’è infiammazione e i capelli sono al loro posto.

Naturalmente, le croste sono ancora evidenti.

Poiché le minuscole ferite sottostanti si sono rimarginate, va bene iniziare a rimuoverle dopo la prima settimana post-operatoria.

Per prima cosa, devi immergere la testa per circa 15-20 minuti nella vasca da bagno o sotto la doccia. Entrambi i metodi funzionano, sta a te trovare quello più comodo.

E’ davvero importante utilizzare solo acqua di rubinetto tiepida, senza aggiungere shampoo o prodotti di qualsiasi genere.

Dopo che le croste si sono ammorbidite completamente, si deve fare un leggero massaggio per aiutarle a cadere.

Le croste non devono essere forzate o grattate via: togline il maggior numero possibile senza forzarle. Quindi puoi sciacquare il cuoio capelluto e lasciarlo asciugare.

Durante la seconda settimana post-operatoria, questo processo deve essere ripetuto ogni giorno per mettere a mollo il resto delle croste.

Dalla terza settimana post-operatoria andrà bene cominciare ad usare lo shampoo per bambini per massaggiare delicatamente il cuoio capelluto.

Lo shampoo per bambini non è solo abbastanza delicato, ma è anche idratante e questo può essere d’aiuto se la soluzione salina e la rimozione delle croste provocano un po’ di desquamazione. 

Da 3 settimane a 3 mesi dopo l’intervento

2a foto di controllo 3 settimane dopo l'intervento
3 settimane dopo l’intervento

Il successivo controllo di Rosario c’è stato 3 settimane dopo il trapianto dei capelli.

Mi ha fatto piacere vedere che le croste sono sparite e che il suo cuoio capelluto è in buone condizioni.

Come possiamo vedere nella foto di sopra, non ci sono piccole ferite recenti, segnale del fatto che Rosario era stato abbastanza attento nelle settimane precedenti.

Inoltre, i capelli impiantati sono al loro posto: eventuali chiazze vuote sarebbero state indice del fatto che Rosario non aveva immerso completamente le croste prima del massaggio, o che aveva massaggiato il cuoio capelluto con troppa energia.

Verso la fine della terza settimana i capelli impiantati cominciano a cadere.

Dopo il trapianto, le radici entrano in un periodo dormiente e le ciocche di capelli cadono gradualmente.

Sebbene non sia facile da vedere, entro la fine del terzo mese successivo all’intervento la condizione ritorna allo stadio pre-operatorio.

foto della cima scattata per il 3° controllo a 3 mesi dall'intervento
3 mesi dopo la procedura

Al controllo dei 3 mesi ho potuto vedere che anche Rosario ha affrontato questo processo.

Come vediamo nella foto di sopra, il suo cuoio capelluto è pulito e sano, così come dovrebbe essere.

Alcuni pazienti con la pelle più sensibile potrebbero presentare alcune chiazze qua e là, ma in questa fase va bene così.

6 mesi dopo l’intervento

Dopo che i capelli trapiantati cadono, la densità comincia ad aumentare intorno al quarto mese post-operatorio.

Di solito, si verifica un cambiamento improvviso, poiché un gran numero di capelli cresce in soli 3 mesi.

Entro la fine del sesto mese post-operatorio, è visibile circa la metà del risultato.

Nel caso di Rosario, questo risultato parziale era già discreto.

La densità ha cominciato ad uniformarsi e possiamo vedere un’attaccatura dei capelli più pronunciata nella sua foto di controllo qui sotto:

Yohann 6 mesi dopo l'intervento chirurgico con circa il 50% dei capelli impiantati cresciuti
 Risultato parziale 6 mesi dopo il trapianto dei capelli

1 anno dopo l’intervento

Il resto dei nuovi capelli continuerà a crescere nel prossimo paio di mesi.

In genere, il risultato definitivo è visibile 12 mesi dopo l’intervento, quando facciamo il controllo finale.

Abbiamo incontrato di nuovo Rosario a Lione per esaminare il risultato del suo trapianto di capelli ed ho anche rivisto le foto.

Con l’esame abbiamo riscontrato un ottimo risultato: i capelli sono cresciuti numerosi, dando un aspetto naturale.

E, cosa ancora più importante, anche Rosario è rimasto completamente soddisfatto del risultato:

Vorresti ripristinare la densità dei tuoi capelli?

Saremmo felici di aiutarti!

Contattaci al numeto +44 20 7131 0229, oppure su info@hairpalace.it per ricevere ulteriori informazioni, invece, se ancora non hai un piano di trattamento:

Inizia qui!