Trapianto Barba: Procedura, Costo e le Migliori Cliniche del 2022

  1. Specchietto riassuntivo
  2. Cos’è
  3. Metodi
  4. Costo
  5. Procedura
  6. Risultati
  7. Pro e contro
  8. Candidati
  9. Alternative
  10. Le migliori cliniche

I trapianti di barba stanno diventando rapidamente uno dei trattamenti cosmetici più popolari in tutto il mondo ed è facile capire perché.

La barba è sempre stata un segno distintivo di mascolinità e sempre più uomini vogliono averne una migliore e più folta per apparire al meglio.

Sono molte le ragioni per cui gli uomini optano per un trapianto di barba i baffi: talvolta non riescono a farla crescere per colpa della genetica, altre volte hanno magari subito un infortunio che ha danneggiato i follicoli piliferi altrimenti sani, oppure potrebbero voler semplicemente aumentare la foltezza della loro barba.

Qualunque sia il motivo, i risultati sono sempre gli stessi: una barba bella e sana con una rapida guarigione.

Eppure, non c’è dubbio che tu abbia numerose domande sulla procedura. Noi siamo qui per aiutarti in ogni fase e ti mostriamo subito tutto ciò che devi sapere su come sottoporti ad un trapianto della barba nel 2022.

Specchietto riassuntivo sui trapianti di barba

Durata dell’interventoda 4 a 8 ore
Numero di follicolidi solito da 1.500 a 4.000
Costo in Italiada 3.000 a 10.000 €
Degenza ospedalieranon necessaria
Tipo di anestesialocale
Intensità del doloreda nessuno a minimo
Rischiarrossamento, gonfiore
temporaneo, intorpidimento
del cuoio capelluto, prurito
Cicatricinon visibili
Recupero3-4 mesi dopo l’intervento
Risultato finaleda 8 a 12 mesi dopo l’intervento

Cos’è un trapianto barba?

Detto in maniera semplice, con un trapianto di barba si prelevano gli innesti di peli e capelli da una zona donatrice (ovvero la parte posteriore della testa o le parti inferiori del mento) e li si impiantano in aree mirate per ripristinare i peli del viso.

Spesso il successo degli impianti di barba è tale che è necessario un solo intervento per ottenere un ottimo risultato. Poiché si utilizzano i tuoi peli e i tuoi capelli, la barba avrà un aspetto naturale e non mostrerà i segni dell’intervento chirurgico.

Risultati del trapianto barba

Inoltre, il trapianto dei peli della barba ti consente di scolpirla come vuoi. Durante la consulenza, oltre all’intervento deciderai con precisione dove far inserire gli impianti proprio per scolpire la barba a tuo piacimento, adattandone perfettamente la forma ai lineamenti del tuo viso!

Metodi di trapianto della barba

Esistono diversi metodi per eseguire gli impianti di barba, basette i baffi. Le due tecniche più comuni che vengono adottate sono:

1. Estrazione delle unità follicolari (micro FUE) 

La FUE è forse il tecnica di autotratrapianto infoltimento più popolare. Il chirurgo estrae uno ad uno i follicoli piliferi dall’area donatrice e li impianta nell’area ricevente.

La FUE è la tecnica preferita da molti pazienti perché non lascia cicatrici, ha un rapido processo di guarigione ed è quasi indolore.

Costo del trapianto di barba in Italia
Trapianto di barba FUE

2. Trapianto delle unità follicolari (FUT)

Nella procedura FUT il chirurgo taglia una striscia di tessuto dalla parte posteriore della testa da cui poi raccoglie i follicoli piliferi.

Questa tecnica viene usata per trattare aree più ampie di cadutadi capelli ed è una procedura relativamente invasiva, dal momento che lasca cicatrici permanenti nell’area donatrice, inoltre potrebbe essere più dolorosa durante la fase della guarigione.

Quale metodo è il migliore? 

Entrambi i tecniche sono efficaci nel trattamento della caduta dei peli della barba. In una singola sessione si possono trapiantare fino a 5.000 innesti: una quantità più che sufficiente per trattare l’area della mascella. Entrambi i metodi vengono eseguiti in anestesia locale.

Quale metodo di trapianto di capelli hanno scelto i pazienti nel 2021

Molti pazienti optano per un autotrapianto di barba FUE perché non lascia cicatrici post operatorio, prevede una rapida guarigione ed è meno doloroso.

In definitiva, dopo aver esaminato il cuoio capelluto durante la consulenza, il chirurgo consiglia la procedura di trapianto di capelli più appropriata.

Costo del trapianto di barba in Italia

Il costo di un trapianto di barba è un fattore essenziale da considerare, dal momento che influisce non solo sul tipo di procedura da adottare, ma anche su quale clinica e in quale Paese si esegue l’intervento. Devi volere la migliore assistenza possibile al prezzo più conveniente.

Alla luce di quanto indicato sopra, quali prezzi puoi aspettarti in Italia? Il minimo che puoi pagare per un trapianto della barba è 2.000 €, anche se alcune cliniche possono arrivare fino a 7.500 €.

Potrebbe sembrare costoso, soprattutto se facciamo un confronto con le cliniche all’estero. Ma ti consigliamo sempre di investire nel meglio. Una clinica rispettabile e con personale esperto ti costa di più, ma ti garantisce risultati migliori e più naturali.

Si tratta di un costo che pensiamo valga la pena di essere sostenuto. Alcune cliniche propongono una gamma di opzioni di pagamento e di finanziamento che ti consentono di accedere a cure più costose. Eventuali pacchetti o opzioni di finanziamento ti verranno illustrati durante la consulenza.

3 fattori che incidono sul prezzo:

1. Il numero di peli trapiantati

Il numero di follicoli piliferi trapiantati varia da paziente a paziente e, di solito, è indice dell’entità dell’intervento chirurgico. Di quanti più follicoli necessita la tua barba a chiazze, più esteso è l’intervento chirurgico e più costoso diventa.

2. L’esperienza del tuo chirurgo

Sebbene i trapianti della barba siano diventati molto popolari e vengano eseguiti in numerose cliniche, è sempre utile avere un chirurgo e un’équipe esperti a portata di mano. I chirurghi più competenti lavorano spesso nelle cliniche più conosciute che, generalmente, sono le più costose.

3. Il metodo che scegli

Anche il tipo di chrirurgia prescelta incide sul costo del trapianto della barba. Alcuni metodi richiedono attrezzature più avanzate, pertanto costano di più. I prezzi ti verranno illustrati accuratamente durante la consulenza.

Come funziona il trapianto di barba

Inizialmente gli impianti di barba possono sembrare complessi, ma siamo qui per sfatare questo mito. Che si tratti di trapianti di barba FUT o FUE, di solito la chirurgia si attiene alle tre fasi indicate di seguito

  1. Estrazione

    Innanzitutto, la procedura comincia con il taglio della capigliatura. Alcune cliniche possono raderti completamente la testa, mentre altre lasciano circa 1 mm di capelli: questo serve per dare al chirurgo una visione chiara del cuoio capelluto. Poi ti viene somministrato un anestetico locale per prevenire il dolore durante l’estrazione.

    A seconda del tipo di procedura, il chirurgo estrae i singoli follicoli piliferi (micro FUE) o taglia una striscia di tessuto (FUT) dall’area donatrice.

    FUE2 trapianto di capelli
  2. Intervento

    Una volta che il chirurgo ha estratto gli innesti necessari, segue una breve pausa. Successivamente, la cura del paziente torna al centro dell’attenzione, pertanto ti viene somministrato un altro anestetico locale per esser certi che non avvertirai alcun dolore.

    Il chirurgo impianta con cura i follicoli piliferi uno ad uno nell’area ricevente, facendo attenzione a posizionarli strategicamente per creare una barba folta.
  3. Processo di guarigione

    Dopo l’intervento di trapianto barba, puoi tornare a casa e la maggior parte dei pazienti ha bisogno di un giorno per riprendersi completamente. Può accadere che alcune piccole croste possano comparire attorno ai nuovi peli della barba, ma dovrebbero sfaldarsi naturalmente dopo alcuni giorni.

    Dopo una settimana puoi tornare alla tua normale routine di rasatura. Dopo 2 o 3 settimane i peli impiantati cadono. Non preoccuparti: questa è una fase normale della guarigione.

    Successivamente, i nuovi peli cominciano a crescere e puoi aspettarti di veder apparire una barba più folta.

Risultati del trapianto barba: prima e dopo

Risultati del trapianto barba
Risultati prima e dopo il trapianto di peli sul viso

Da dove prendono i peli per trapiantato barba? 

Il motivo per cui i trapianti di barba riscuotono così tanto successo è che i peli impiantati provengono dalla tua testa.

Ma non ti mancheranno questi capelli? Non proprio. I capelli vengono spesso prelevati da punti con la più alta densità e sono quelli non  interessati dalla calvizie maschile. Di solito, queste aree sono la parte bassa e i lati della testa.

A seconda dell’abilità del chirurgo e in base a quanti innesti potrebbero servire per la tua nuova barba, si possono raccogliere i peli anche dal collo e dalla mascella.

I pro e i contro del trapianto di barba

Come qualsiasi intervento chirurgico di ripristino dei capelli, anche gli impianti per la barba hanno i loro pro e i loro contro. Diamo una rapida occhiata:

Pro

Il primo vantaggio di un trapianto di barba è che offre una soluzione permanente alle chiazze diradate sul viso. Questo semplice intervento chirurgico può correggere in un giorno anni di caduta dei capelli della barba.

A seguito delle loro procedure, molti pazienti riferiscono di un notevole aumento della fiducia in se stessi, grazie ad un’evidente crescita naturale nei mesi successivi al loro autotrapianto.

Inoltre, la guarigione è rapida e spesso indolore. Puoi tornare alla tua normale routine di toelettatura appena una settimana dopo l’intervento. Se ti sei sottoposto all’estrazione di unità follicolari, aspettati anche delle cicatrici praticamente invisibili.

Contro

Una delle più grandi paure dei pazienti per quanto concerne il trapianto barba è la presenza di cicatrici visibili, sebbene questo sia motivo di preoccupazione solo per gli interventi FUT.

Come qualsiasi altro intervento, esiste il rischio di sviluppare un’infezione nella zona donatrice del cuoio capelluto o nell’area facciale che riceve le unità follicolari. Tuttavia, praticando un’igiene adeguata e seguendo i consigli della tua équipe chirurgica, puoi evitare facilmente tale rischio.

Sei un buon candidato per il y? 

Oggigiorno, i trapianti di barba sono incredibilmente popolari. Eppure, come qualsiasi altro intervento di chirurgia estetica, ci sono alcuni criteri indispensabili per sottoporsi ad un chirurgia.

La cosa principale è se hai abbastanza peli da poter prelevare dalla zona donatrice. Le due aree spesso utilizzate sono la parte posteriore e i lati della testa.

Durante la consulenza il chirurgo esamina il tuo cuoio capelluto e valuta se hai abbastanza capelli da estrarre, posto che anche il collo e la mascella possono essere della aree donatrici adatte.

Inoltre, il medico esamina anche il tuo stato di salute generale, chiedendoti se soffri di qualche patologia, inclusi disturbi ormonali, malattie cardiache o diabete.

Infine, una clinica per il trapianto di barba può pretendere che i pazienti abbiano un’età minima che, di solito, è di 22 anni. Questo perché, a quell’età, il medico può diagnosticare l’entità della caduta dei capelli e può pianificare di conseguenza il trattamento.

Alternative ai trapianti di barba

Sebbene i trapianti di barba FUE e FUT siano due soluzioni permanenti, potrebbero non essere adatti a tutti. Esistono diversi trattamenti alternativi che possono aiutare a ripristinare i barba, a seconda della loro caduta. Tuttavia, i risultati variano in base a trattamenti e pazienti.

Minoxidil

La prima alternativa è il Minoxidil (Rogaine): un farmaco usato per combattere la caduta dei capelli, che agisce allargando i follicoli piliferi ed estendendo la fase di crescita della capigliatura. Sebbene venga utilizzato principalmente per i capelli, un suo effetto collaterale può essere l’aumento della crescita dei peli del viso.

Minoxidil Alternative ai trapianti di barba
Trattamento al Minoxidil per la crescita dei capelli

Detto questo, il Minoxidil ha un grosso inconveniente: una volta interrotto l’applicazione regolare, i suoi effetti svaniscono e la ricrescita dei capelli si interrompe, pertanto non può essere neanche lontanamente considerato una soluzione permanente come un trapianto della barba FUE. Devi tener presente che questo farmaco ha anche effetti collaterali come il calo della pressione.

Integratori per la crescita dei peli del viso

Nonostante gli effetti collaterali e il lungo ciclo di trattamento, il Minoxidil gode di un’eccellente reputazione nel settore dei trapianti di capelli.

Purtroppo, lo stesso non si può dire di molti integratori per la crescita della barba che stanno diventando più popolari. Esistono poche ricerche per dimostrare che questi integratori facciano “miracoli”, pertanto ti consigliamo di procedere con attenzione prima di acquistarli per i peli della barba.

Integratori per barba e baffi

Nel caso di un impianto di peli della barba o di farmaci come il Minoxidil, diversi studi con revisione paritaria dimostrano la loro efficacia nel migliorare la densità e la qualità dei peli nell’area del viso.

Sugli integratori, però, non esistono studi del genere. Spesso questi prodotti non sono altro che vitamine e nutrienti riconfezionati che altrove sono anche molto più economici. Alcuni di essi, inoltre, non hanno componenti efficaci che aiutino anche solo un singolo follicolo pilifero.

Un altro motivo per diffidare degli integratori è che ogni persona reagisce ad essi in modo diverso. Alcuni contengono ormoni, come DHT, DHEA e DIM, che possono avere effetti collaterali negativi, compresa l’alterazione della pressione sanguigna, i disturbi allo stomaco e persino il restringimento dei testicoli. Riteniamo che converrai sul fatto che, quando non è garantita la crescita dei capelli, questi rischi non valgono la pena di essere corsi.

Scelte di stile di vita

Come gli integratori, anche una dieta sana e l’esercizio fisico vengono spesso apprezzati come soluzioni efficaci. Purtroppo, però, non è così semplice e la scelta dello stile di vita da sola non può sanare anni di caduta dei capelli.

Molti marchi considerano erroneamente “non necessario”  un intervento di trapianto dei capelli, promuovendo invece i loro programmi dietetici e i regimi di esercizio. Sebbene dovremmo sempre cercare di vivere una vita sana, non aspettarti che la tua barba cresca solo grazie a questi cambiamenti.

Biotina per la crescita dei capelli
Biotina per aiutare la crescita dei capelli

Detto questo, quando si esegue un trapianto di peli sul viso, le scelte di stile di vita possono favorire una rapida guarigione. Tali scelte prevedono:

  • L’esercizio migliora la circolazione sanguigna del cuoio capelluto e del volto, favorendo la crescita dei peli sul viso
  • Mangia cibi ricchi di proteine e vitamine
  • Dormi a sufficienza: mira a 7 ore ogni notte

Nel complesso, però, i trapianti di peli sul viso e i farmaci sono gli unici interventi attendibili attualmente disponibili per riportare i peli del volto al loro antico splendore. Inoltre, la ricerca sostiene la loro efficacia nel fornire risultati permanenti. Il cibo e l’esercizio fisico da soli non miglioreranno la crescita dei peli della tua barba.

Recensioni sul trapianto barba in Italia: trova le migliori cliniche vicino a te

Le recensioni sul autotrapianto infoltimento di barba i baffi possono darti informazioni preziose sul servizio e le cure che puoi aspettarti di ricevere.

Dai un’occhiata alle migliori cliniche italiane per i trapianti di barba in base alle loro valutazioni su Google.

Nome della clinicaCittàRecensioni di Google
Istituto Helvetico SandersRoma3.8
sulla base di 159 recensioni di Google
Masullo Medical GroupRoma3.0
sulla base di 11 recensioni di Google
Dott. Pascal SciosciaRoma4.3
sulla base di 25 recensioni di Google
Dr. Vincenzo GambinoMilano4.3
sulla base di 19 recensioni di Google
Skalp ItaliaMilano4.8
sulla base di 11 recensioni di Google
Studio Medico AdigratMilano4.8
sulla base di 13 recensioni di Google
Centro Capelli EuropeoCatania5.0
sulla base di 8 recensioni di Google
Trapianto Capelli SiciliaPalermo5.0
sulla base di 2 recensioni di Google
SAA Trapianto CapelliPadova5.0
sulla base di 1 recensioni di Google
Next HairSaronno5.0
sulla base di 10 recensioni di Google

Ultima revisione medica del 15 Settembre 2022

HairPalace si basa su fonti accademiche, compresi gli articoli peer-reviewed, nonché sulle pubblicazioni di associazioni mediche e di istituzioni accademiche e di ricerca. Seguiamo rigide linee guida per la raccolta delle informazioni ed evitiamo riferimenti terziari. Per avere ulteriori informazioni su come manteniamo i nostri contenuti aggiornati e precisi, leggi la nostra politica editoriale.