La caduta dei capelli può verificarsi come sintomo di una patologia, o come effetto collaterale di una terapia/farmaco.

In ogni caso, la caduta dei capelli può essere un’esperienza traumatica sia per gli uomini che per le donne (il 70% delle donne lo sperimenta durante la vita).

E questo ulteriore stress rende solo più difficile affrontare le patologie gravi.

Se la perdita dei capelli ti preoccupa e temi che sia da imputare ad un problema di fondo, contatta il tuo medico di base quanto prima possibile.

Il tuo medico potrebbe riuscire ad eliminare le patologie comuni e tranquillizzarti.

Per rispondere alla domanda sul perché i miei capelli cadono, dobbiamo esaminarli da diversi aspetti. Ecco cinque patologie comuni che causano la caduta dei capelli:

Diabete

Il diabete può causare la caduta dei capelli in diversi modi.

I vasi sanguigni ed i tessuti possono essere danneggiati dai livelli incontrollati di zucchero nel sangue che, in sostanza, si riflette sulla capacità del corpo di far crescere i capelli.

Ma possono esserne responsabili anche le patologie secondarie derivanti dal diabete.

Ad esempio, è noto che i problemi alla tiroide e l’alopecia areata inibiscano la crescita dei capelli sani.

Lupus

Il lupus è una malattia autoimmune, in cui il sistema immunitario attacca gli organi ed i tessuti del paziente.

L’infiammazione sistemica interessa numerose parti del corpo, compresi la pelle, le articolazioni, i reni, gli organi principali e le cellule del sangue.

Questa patologia può causare la caduta dei capelli in due modi.

Innanzitutto, l’infiammazione del viso e del cuoio capelluto impedisce ai follicoli di produrre i capelli, interrompendone il ciclo di crescita.

In secondo luogo, i farmaci prescritti per trattare il lupus possono lasciare i follicoli piliferi inattivi tramite la soppressione di alcuni sistemi corporei, compresa la crescita di nuovi capelli.

Le modifiche alla struttura dei capelli possono renderli fragili, provocandone così la rottura alla radice.

I soggetti affetti da lupus potrebbero dare l’impressione che stiano perdendo i capelli, anche se sono ancora lì.

Cancro

Purtroppo, il cancro è una delle patologie più note come causa della caduta dei capelli. Numerose cure (in particolare la chemioterapia o la radioterapia) possono portare i pazienti a perdere i capelli e a non produrne più.

Questa situazione può interessare i peli del cuoio capelluto, così come anche le ciglia, i peli pubici, le sopracciglia, ecc.

L’estensione della caduta dei capelli può dipendere dai farmaci utilizzati, dal loro dosaggio e dal metodo di somministrazione (endovenoso, pillole, ecc.).

La caduta dei capelli tende a verificarsi entro poche settimane dall’inizio del trattamento e la loro crescita potrebbe tornare alla normalità una volta terminate le cure (anche se questo potrebbe non essere il caso della radioterapia).

Anemia

Poiché l’anemia altera i livelli dell’emoglobina e limita la quantità di ossigeno trasportata nei follicoli, i capelli potrebbero non riuscire a crescere nel modo consueto.

Il corpo devia l’ossigeno dalle cellule non essenziali (compresi i follicoli), per aiutare le funzioni e gli organi vitali a funzionare come dovrebbero.

I follicoli piliferi non riescono a passare dalla fase di riposo alla fase di crescita, portando alla caduta dei capelli.

La carenza di ferro è una causa comune dell’anemia. La caduta dei capelli potrebbe non essere permanente.

Infezione del cuoio capelluto

Una varietà di infezioni del cuoio capelluto è causa della caduta dei capelli, ivi compresi:

  • Dermatite seborroica
  • Tigna
  • Psoriasi
  • Follicolite
  • Piedra

Ciascuna di queste infezioni può interrompere la funzione dei follicoli, impedendo la crescita dei capelli.

Ad esempio, la follicolite porta all’infiammazione follicolare e, nei casi più gravi, potrebbe distruggere i follicoli.

Tuttavia, esistono delle terapie come, ad esempio, farmaci e shampoo.

Se la caduta dei capelli è causata da una patologia, il primo passo per affrontarla è la sua diagnosi.

Se ritieni di poter essere affetto da una di queste (o altre) patologie, è fondamentale parlarne con il medico di base.

Se sei affetto dalla calvizie, il trapianto dei capelli potrebbe rappresentare un’alternativa.

Le tecniche e le tecnologie all’avanguardia consentono ai nostri esperti di ripristinare la crescita dei capelli nelle zone calve/diradate del cuoio capelluto.

FAQ

Quale malattia provoca la caduta dei capelli?

L’alopecia androgenetica, generalmente denominata calvizie, è la patologia più comune che interessa circa l’80% degli uomini ed il 50% delle donne (soprattutto quelle in in menopausa) e si manifesta più frequentemente con l’avanzare dell’età.

Che cosa è considerata caduta dei capelli medica?

A causa di determinate condizioni mediche, la caduta dei capelli può essere estesa. Ad esempio, l’alopecia areata porta a una caduta dei capelli a chiazze, mentre anche la tigna e altre infezioni del cuoio capelluto possono contribuire alla caduta.

Quando la caduta dei capelli è un problema?

Se sospetti che un aumento della perdita di capelli possa essere dovuto a condizioni mediche, la caduta dei capelli potrebbe indurti a recarti dal medico. Aree a chiazze o calve sul cuoio capelluto, un diradamento costante o la caduta dei peli su tutto il corpo possono indicare un problema di salute sottostante.

Perché i miei capelli cadono dopo il Covid?

È normale perdere dei capelli dopo aver avuto la febbre o essere stati ammalati, anche con il Covid. Di solito si tratta di diradamento di capelli piuttosto che di perdita, ed è noto come telogen effluvium.

Ultima revisione medica del 3 Maggio 2022